Granfondo 130 Km

Granfondo 130 Km 2450 mt dislivello

Scarica le tracce

GRANFONDO KM 130 DISLIVELLO 2450 mt

La partenza verrà data in Viale Roma a fianco di Campo Marzo, parco pubblico adiacente al centro storico di Vicenza, e i corridori dopo avere affiancato la stazione ferroviaria si dirigeranno subito verso Borgo Berga e poi, quando il ritmo gara sarà già elevato, giunti all’inizio della Riviera Berica transiteranno davanti a Villa Capra detta “La Rotonda” disegnata dal Palladio.

Dopo circa 3 km e mezzo a Longara si lascia la Riviera Berica per addentrarsi in una strada secondaria che porta a Pianezze nei pressi del lago di Fimon, oasi naturalistica nel cuore dei Colli Berici, e giunti alla contrada di Fimon (chilometro 14) inizia la prima asperità di giornata: la Fimon – San Gottardo.

Viale Roma a fianco di Campo Marzo
Viale Roma a fianco di Campo Marzo
Trattasi di un primo tratto (strada del Raposso) lungo 2 km con pendenze del 9-10% seguito da un tratto pedalabile a cavallo dell’abitato di Perarolo e che al chilometro 18 presenta un tratto impegnativo che terminerà dopo circa 3 km al GPM di San Gottardo affrontando anche pendenze massime del 14%.

Da qui inizierà un lungo tratto di mangia e bevi e al chilometro 25 inizierà la discesa di Zovencedo, con dapprima tratti tecnici da affrontare con attenzione seguiti poi da una serie di tornanti e rettilinei regolari fino al fondo valle in località Sant’Antonio.

Salita Raposso / San Gottardo
Salita Raposso / San Gottardo
I concorrenti scenderanno la Val Liona ed in prossimità dell’abitato di Villa del Ferro, al chilometro 36, prenderanno sulla destra l’impegnativa salita del Monte Coco (prima novità del 2019!) lunga 2,7 km con pendenza media del 9% ed una massima del 14%.
Giunti alla birreria il percorso sarà caratterizzato da dolci saliscendi fino a Via Molini, strada che ci porterà giù nei pressi di Alonte e da dove su leggera salita si percorrerà Via Corlanzone dove i ciclisti troveranno il primo ristoro completo dopo 46 km per arrivare poi fino a località Stamberga, che possiamo considerare come la prima boa attorno alla quale girare per portarsi lungo 17 km pianeggianti dapprima a Orgiano e quindi a San Germano dei Berici.
San Gottardo
San Gottardo
Proprio a San Germano dei Berici dopo 64 km di gara i ciclisti subito dopo la chiesa svolteranno a destra in Via Castello per affrontare di petto un’altra delle salite più arcigne della Granfondo Liotto: la San Germano dei Berici – strada Lupia che traghetterà i concorrenti dalla Val Liona all’altopiano di Pozzolo; sono 4 km con una pendenza media del 9% nella prima metà mentre la pendenza massima del 18% sarà raggiunta all’inizio della salita.

Al termine della discesa a Pozzolo (km 68) verrà collocato il bivio tra i due percorsi offerti e i concorrenti della granfondo dovranno svoltare a destra.

Una volta scesi nella contrada di Toara per una breve discesa che richiede comunque attenzione a causa di tre tornanti stretti sul finale, ci si addentrerà in un percorso nervoso ondulato che porterà al paese di Nanto passando per Barbarano Vicentino e Mossano immersi tra i vigneti della strada dei Vini DOC dei Colli Berici.

Salita Monte Coco
Salita Monte Coco
Al chilometro 84 in prossimità del paese di Nanto verrà collocato un ristoro idrico e subito dopo inizierà quella che dagli appassionati della zona è conosciuta come la Salita degli Ulivi: la Nanto – Soghe di 9 km e 6,5% di pendenza media che risulta calmierata solo per la presenza di due falsipiani nella seconda metà della salita ma i cicloamatori locali che la frequentano sanno bene che i primi 3,5 km di salita esposti al sole sono quasi sempre sul 9-10% e presentano una pendenza massima del 15%.

La contrada di Soghe sarà raggiunta dopo alcune rampe con pendenze in doppia cifra e subito dopo i partecipanti inizieranno un tratto vallonato attraversando San Giovanni in Monte e quindi una discesa tecnica che li porterà nuovamente a Pozzolo dove i granfondisti troveranno il secondo ristoro completo al km 98 e poi, inserendosi nel percorso in comune con la mediofondo, in valle per una discesa con pendenze in doppia cifra che inizia subito dopo la chiesa e che è da affrontare con attenzione fino all’incrocio per il borgo rurale di Calto dove i ciclisti svoltando a destra affronteranno la direttissima che porta a Zovencedo (seconda novità 2019!) sede dell’ultimo ristoro e chiamata salita dell’Aquila, proprio come il simbolo ufficiale della Cicli Liotto. Il tratto di 1,2 km che precede Zovencedo presenta una pendenza media del 13,5% e una massima del 20%!!

Salita Castello
Salita degli Ulivi
Quindi dopo avere lasciato Zovencedo, i ciclisti proseguiranno lungo la Dorsale dei Berici fino a San Gottardo con un percorso vallonato e qualche tratto con pendenze in doppia cifra. Da Calto a San Gottardo è una salita lunga complessivamente 7 km con un dislivello positivo di 300 m.

Giunti nei pressi di San Gottardo i ciclisti si lanceranno per la filante discesa che arriva fino alle porte dell’abitato di Arcugnano e poi per la discesa tecnica che da Villa Pasini porta fin giù in Viale Sant’Agostino a ridosso della città di Vicenza.

Da questo punto fino all’arrivo posizionato in Viale Roma con sullo sfondo la stazione ferroviaria i concorrenti dovranno percorrere solo rettilinei senza asperità con qualche cambio di direzione ed un ristoro situato vicino allo striscione di arrivo concluderà la cavalcata sui Monti Berici.
Salita Muro dell'Aquila
Salita Muro dell'Aquila

Granfondo Liotto

Giunta alla 21° edizione la Granfondo Liotto è ormai un appuntamento fisso per gli amanti della bici.

A.S.D. TEAM GRANFONDO LIOTTO

A.S.D. TEAM GRANFONDO LIOTTO
Via Ragazzi del '99, 42
Vicenza
36100
P.IVA 03512230248 - CF 95096930243

+39 0444 507641

info@granfondoliotto.it

Seguici sui Social